Tramonti anomali

Faceva uno strano effetto, ore fa, pressappoco al tramonto, guardare il cielo sopra Venezia ed accorgersi che sembravano essere due, i tramonti. Quello naturale, sopra l’isola di San Giorgio, un tramonto rosso fuoco, e quello chimico, artificiale, poco più in della Salute. Le torce di Porto Marghera. Vengono accese raramente, e quando accade, viene fatto di notte. Stavolta invece la sera, pressappoco al tramonto. Poco dopo, nella mailbox, il comunicato stampa del comune, a rassicurare che tutto era a posto. Eppure, leggere quel comunicato mi ha fatto venire qualche brivido, per via del linguaggio e di ciò che evoca.

Alle ore 17.57 il sito Internet del Comune di Venezia ha attivato il “codice verde” primo stadio del sistema di comunicazione d’emergenza a causa di un evento visivo dovuto all’accensione delle torce di Porto Marghera.
Questo il contento del messaggio che appare sul sito:

Data ed ora della notizia: 20 Febbraio 2009, 17:57

Si comunica che in data odierna, 20 febbraio 2009, alle ore 16.55 si sono attivate le torce di Fusina dell’impianto CR 1/3 dell’azienda Polimeri Europa di Porto Marghera a causa blocco compressore P201.
Il gas convogliato in torcia a combustione, costituito prevalentemente da metano, etilene e propilene, risulta ampiamente entro la capacità smokeless delle stesse.

Venezia, 20 febbraio 2009

Leggi questo post in e-bookLeggi questo post in e-book